Approffittate delle favolose offerte dei nostri sponsor, se siete interessati agli argomenti che propongono troverete quanto di meglio il web può offrire

Visitate gli altri nostri siti animali dal mondo - immagini dall'Europa
Seguite i nostri aggiornamenti giornalieri su tutti gli stati del mondo iscrivendovi cliccando sul pulsante mi piace di Facebook


Buleleng

Singaraja Indonesia

ville Bali

Bali Pacung


Buleleng è sia fisicamente che culturalmente l’ altro lato di Bali. Lungo il suo lato a sud, partendo dalla zona centrale vulcanica di Ridge e lunga grande distesa di foresta primaria, si è sviluppato un unico sistema sociale e culturale. La regione di Buleleng si estende lungo quasi tutta la parte settentrionale di Bali. La zona consiste generalmente in ripidi pendii che scendono verso una ristretta pianura costiera. Recentemente a Pacung sono state scoperte delle perline risalenti a 2000 anni fa, e sono il segno dei primi scambi far la popolazione locale e quella delle altre isole dell’arcipelago indonesiano, a Lovina sono state ritrovate delle effigi che dimostrano la presenza di una popolazione buddista, risalente al sesto secolo, e che man mano si estese verso il sud di Bali. Queste scoperte testimoniano anche che le prime rotte seguite dalle popolazioni esterne per raggiungere Bali portavano nel nord dell’isola, dove è avvenuto anche lo sbarco degli Olandesi quanco colonizzarono l’isola. La città di Singaraja (centomila abitanti) era la capitale di Bali durante il periodo dell’
occupazione degli olandesi ed è stata una delle prime città dell’Indonesia a essere colonizzata. Oggi la città è un mix di musulmani kampung, di negozi cinese , di viali formati da tipiche ville di Bali, case coloniche e di uffici governativi in stile neo Balinese. Non c’è un tempio cinese nella zona del porto, non lontano dalla moschea di kajanan , il cui pulpito non abbia un interessante combinazione di motivi decorativi musulmani e balinesi. La popolazione di origina Balinese della città sembra orientata ad andare a vivere nella periferia della città, mentre gli operatori tradizionali chiamati Bugis e i cinesi tendono a stabilirsi nel centro. Da visitare c’è la biblioteca Gedung Kirtya, dove ci sono migliaia di manoscritti in scrittura giavanese e balinese. E si possono acquistare dei dipinti, realizzati fatti con l’antico sistema lontar, dipingendo su foglie di palma.

Foto Bali


Subscribe to RSS